• Sab. Mag 21st, 2022

la Grafite

Natura, eventi, territorio

Rally di Sanremo: Emiliano Bruna, di Monastero, 47° assoluto, primo in classe N2 su Peugeot 106

DiElena.Caligiuri

Apr 13, 2022

MONASTERO – Era il suo sogno nel cassetto, una gara impegnativa, ma anche una sfida a cui non si poteva rinunciare. E il risultato non si è certo fatto attendere: 47esimo assoluto, primo in classe N2 su Peugeot 106 curata dalla V-Matt Racing di Carmagnola.
Emiliano Bruna, consigliere d’opposizione del Comune di Monastero ha partecipato alla 69esima edizione del Rally di Sanremo, valido quale seconda tappa del CIAR (campionato italiano assoluto rally).
Un’avventura che fa seguito alle due sue prime gare nel 2021 con il rally città di Torino, sulle strade di casa, infatti la prova speciale di Monastero passa proprio a fianco della sua abitazione e la Ronde di Imperia, un tragitto che Bruna conosce altrettanto bene.


≪Ma correre nel “tricolore” è stata una cosa decisamente diversa – commenta Emiliano Bruna – . Più impegnativa, più chilometri da percorrere oltre 120 di prove speciali, 500 con i trasferimenti, tutti su strade impervie nell’entroterra ligure, su passi montani che hanno fatto la storia del mondiale rally dagli anni settanta fino agli inizi del primi anni 2000. Tutti i piloti che contano sono passati da Sanremo. E poi c’era l’altro fattore: da oltre 12 anni percorro abitualmente questi passi montani con la bicicletta, quindi altro forte richiamo nel provare a correre sulle stesse strade in auto, anche se è tutt’altra cosa≫.

Così Bruna racconta la sua avventura a lieto fine che ha condiviso con la sua famiglia. ≪Siam partiti con lo spirito di arrivare alla fine, ma ci siam ritrovati subito in testa nelle prime prove del venerdì. Il sabato, nelle prove del mattino abbiamo perso il primato. Il fondo stradale era veramente accidentato e ha provocato tanti ritiri eccellenti. Il pomeriggio, nell’ultima tornata di prove il mio diretto avversario si è dovuto ritirare per cedimento meccanico del cambio. A quel punto ho gestito gli ultimi chilometri, cercando di non sbagliare e preservare la nostra 106. Tutto è filato per il meglio. Il sogno di arrivare a Sanremo, nella mia prima gara all’italiano si è realizzato, per giunta con una vittoria davanti a tutta la mia famiglia che mi aspettava dopo due giorni di costante assistenza ai box. Un grande ringraziamento alla V-Matt Racing per la macchina che mi ha affidato, sempre in perfette condizioni, al mio navigatore Diego Carena, allo sponsor Edilbasso Costruzioni e a mio figlio Mattia, il mio primo navigatore che nonostante i suoi soli 12 anni è stato preziosissimo come sempre nella stesura delle note di gara≫.