• Dom. Lug 3rd, 2022

la Grafite

Natura, eventi, territorio

Un cocktail per Hemingway: l’Albert gareggia a suon di shaker!

DiElena.Caligiuri

Mag 30, 2022

Originalità, gusto e fantasia, una bella mescolata e un’esperienza indimenticabile. Un importante risultato per l’Istituto Superiore Albert che ha accettato la sfida dell’Associazione “Sognando Hemingway a Cuneo” e si è classificato al quarto posto. A raccontarci procedimenti e risultati della gara lo studente Alex Braggion.

Giovedì 12 maggio, presso i locali dell’Open Baladin di Cuneo, sei istituti alberghieri si sono sfidati in un concorso di “mixology” ideato dall’associazione “Sognando Hemingway a Cuneo”.
La sfida prevedeva la realizzazione di due cocktail per ogni studente partecipante: una versione tradizionale e una rivisitazione, entrambe legate alla vita dello scrittore Ernest Hemingway.

Gli studenti dell’Albert si sono classificati quarti, con sinceri complimenti della giuria per l’alta professionalità dimostrata.
Cinque le scuole in gara per la provincia cuneese: l’IIS “G.Giolitti” di Mondovì, l’IPS “Velso Mucci” di Bra, l’IIS “G.Paire” di Barge, l’IIS “Virginio Donadio” di Dronero e l’En.AIP di Cuneo. Il sesto istituto, l’IIS ”F.Albert” di Lanzo, è stato l’unico alberghiero proveniente dalla provincia di Torino.
Ogni istituto è stato rappresentato da due studenti per la realizzazione dei cocktail e da uno-due camerieri per il relativo servizio alla giuria.


Dopo un intenso lavoro di esercitazione teorica e pratica avviata negli scorsi mesi, i due studenti sfidanti della classe 4 CSV dell’Albert, accompagnati dal docente di sala Umberto Vartuli, hanno presentato al concorso i loro “Hemingway cocktails”. Lorenzo ha proposto una versione classica del cocktail “Death in the Afternoon”, composto da assenzio e Champagne e decorato con una ciliegina al Maraschino e un cocktail inventato, che ha rinominato “Life in a day”, preparato con succo di lime, succo di pompelmo, sciroppo di zucchero, assenzio e Champagne, con la decorazione di una zolletta di zucchero imbevuta nell’assenzio e “flambata” con la fiamma.
Angela, invece, ha presentato il “Daiquiri Special – Papa Doble” con succo di lime, sciroppo di zucchero e rum Bacardi bianco. La sua rivisitazione, chiamata “Ocean Drop”, è stata creata con rum bianco, blu curaçao, succo di lime, Cachaça e zucchero semolato
.

Alex Braggion – 4CSV