• Ven. Ago 19th, 2022

la Grafite

Natura, eventi, territorio

La forza del “saper fare” vince. Un successo la Fiera dell’Artigianato di Cantoira

DiElena.Caligiuri

Lug 6, 2022

CANTOIRA – La forza del “saper fare” vince e la Fiera dell’Artigianato di Cantoira di sabato 2 e domenica 3 luglio torna in presenza e riscuote un notevole successo di espositori e partecipanti.

Quattro milioni di contributi per lo sviluppo dell’economia montana e 27 aziende create negli ultimi tre anni. È questo il bilancio dell’attività del Gal Valli di Lanzo Ceronda e Casternone, tracciato dal Presidente Claudio Amateis in occasione dell’inaugurazione della Fiera d in località Trambiè.

Cinquanta espositori del territorio tra artigiani e commercianti di qualità che hanno risposto all’invito di Gal, CNA e Comune di Cantoira alla ripartenza di una fiera giunta alla sua XXIII edizione, ma ferma da due anni a causa della pandemia.

Molte le novità introdotte quest’anno dalla CNA Torino, d’intesa con il Gal e con il supporto del Comune di Cantoira e della Pro Loco di Cantoira, a partire dall’accurata selezione degli espositori, per arrivare alla produzione di un documentario per testimoniare con immagini e parole il lavoro degli artigiani della pietra, del ferro e del legno di queste Valli storiche al confine con la Francia.

Sette le imprese intervistate: le falegnamerie Fratelli Vivenza di Cantoira e Fratelli Gagliardi di Chialamberto, l’architetto-falegname Enrico Brunati di Coassolo, la Falegnameria Alberto Griglione di Lanzo Torinese, la falegnameria Mefin di Givoletto, la carpenteria in ferro Fratelli Tepppa di Ceres, la marmeria Fratelli Miele di Lanzo Torinese. Il docufilm “Gli artigiani delle Valli di Lanzo”, per la regia di Marco Giaimo, è stato presentato il 23 giugno a Cantoira, ma in occasione della fiera è stato trasformato in un supporto divulgativo per gli artigiani coinvolti: è stato diviso in sette videoclip utilizzati da ogni impresa artigiana per comunicare in fiera la qualità e la particolarità delle lavorazioni effettuate all’interno dei propri laboratori.

Molto partecipata è stata la cerimonia di inaugurazione della fiera, aperta dalla Sindaca di Cantoira Franca Vivenza e dal curatore Vitaliano Alessio Stefanoni, il pomeriggio del 2 luglio, con la presenza di tanti sindaci del territorio – tra gli altri Ala di Stura, Chialamberto, Lanzo Torinese, Pessinetto, Ceres, Robassomero – dei parlamentari Claudia Porchietto e Francesca Bonomo; degli assessori regionali Andrea Tronzano e Maurizio Marrone; del Capo di gabinetto del Presidente regionale Alberto Cirio, Gianluca Vignale; della Consigliera delegata alle attività produttive della Città metropolitana Sonia Cambursano; del Presidente nazionale dell’Uncem Marco Bussone; del Presidente dell’Unione montana Valli di Lanzo Ceronda Casternone Gianluca Togliatti; del Presidente della CNA Torino Nicola Scarlatelli, del Presidente della Sede territoriale CNA Ciriè-Lanzo Claudio Levra, del Segretario della CNA Torino Nicola Scarlatelli.

«La buona riuscita di questa edizione della fiera – commenta il primo cittadino Franca Vivenza – è la testimonianza concreta di quanto artigiani e commercianti del territorio abbiano voglia di lasciarsi la pandemia alle spalle. Un grazie a Gal, Cna e Pro Loco, oltre alle forze dell’ordine, alla Protezione civile e a tutti i volontari che hanno contribuito a questo successo».

Domenica pomeriggio CNA Torino e Gal hanno premiato molti artigiani espositori, selezionati da un’apposita giuria. Per la CNA erano presenti il Presidente dei Giovani imprenditori Enrico Vaccarino e il Presidente della CNA Ciriè-Lanzo Claudio Levra, per Gal era presente il Presidente Claudio Amateis accanto alla Sindaca Franca Vivenza .

Premiati i sette imprenditori del docufilm, premio alla carriera per Renato Chiolerio, stagnino di Cuorgné, premio Miglior prodotto a km zero a Giorgina Somale per l’amaro al rabarbaro prodotto a Usseglio, premio prodotto sostenibile al birrificio Exit di La Cassa, premio miglior prodotto naturale all’apicoltura Ape Drola, premio al Gruppo Ricamare a Lanzo per la difesa della tradizione dell’Arte Popolana lanzese, infine premio alla stilista Dang To Nga per il suo progetto di reinterpretazione stilistica del Ricamo di Lanzo in chiave contemporanea (porterà la sua collezione di abiti ispirati al Ricamo di Lanzo a Villa Sassi alla sfilata Made in Italy di CNA Federmoda nell’ambito della Torino Fashion Week). Inoltre a tutti i partecipanti è stato consegnato un attestato di partecipazione.