• Ven. Dic 9th, 2022

la Grafite

Natura, eventi, territorio

Da Los Angeles a Ceres per mantenere i legami con le proprie terre d’origine

DiElena.Caligiuri

Lug 31, 2021

CERES – Ritornare nelle proprie terre d’origine per mantenere i contatti e i legami. Non perdere la voglia di riallacciare i rapporti, trasmettendo lo stesso desiderio anche alle nuove generazioni. Dopo un anno di interruzione dovuto alla pandemia è tornata a Ceres Colette Magnetta, bisnipote di Michele Magnetti di Lanzo e con legami di parentela anche con i Fasano della frazione di Ceres, Bracchiello. «La differenza – racconta ridendoci su Colette – fra Magnetti e Magnetta è stata causata da un disguido durante la registrazione in America, dove alla vista di un’unica persona di sesso femminile, la decisione più ovvia è stata quella di trasformare il cognome al “singolare – femminile».

Soltanto ieri Colette e la figlia Gabriel ( il fratello Lorenzo quest’anno non è potuto venire) sono ripartite per la California, ma il loro soggiorno a Ceres e nelle Valli di Lanzo, oltre ad essersi svolto nella totale sicurezza seguendo le normative anti covid, è stato ricco di incontri e sorprese.

Invitata in sala consiliare le è stata consegnata una pergamena da parte del sindaco Davide Eboli e di tutta l’Amministrazione ceresina. Un attestato di riconoscimento conferito a Colette Magnetta “per aver trasmesso ai suoi figli i valori della tradizione della terra d’origine e perché qui tornano intrattenendosi con simpatia e disponibilità e parlando alla nostra moda”.

«È sempre un vero piacere accoglierle – commenta il sindaco Eboli – comprendere quanto sia importante per loro mantenere i legami con le loro terre originarie ci riempie d’orgoglio e ci avvicina a terre lontane. Un segnale di unione importante, in questo momento così difficile come quello che stiamo vivendo dominato dalla paura e dalla separazione. Ora una parte di noi, delle nostre tradizioni, è approdata in America. Ma siamo fiduciosi di rivedere Colette e i suoi figli presto. Ceres e le Valli vi aspettano».