• Sab. Mag 21st, 2022

la Grafite

Natura, eventi, territorio

La Città di Lanzo premia Riccardo Cerutti per aver ideato un dispositivo che ha permesso alla sciatrice Paralimpica Mazzel di “vedere con le orecchie”. Tutti i particolari in un’intervista

DiElena.Caligiuri

Mar 23, 2022

LANZO – Un dispositivo tutto lanzese alle Paralimpiadi di Pechino. Un innovativo sistema che ha permesso di “vedere con le orecchie”. E Lanzo ha risposto con un riconoscimento all’ideatore del progetto. Lunedì 21 marzo, prima del Consiglio Comunale l’amministrazione della Città di Lanzo ha premiato il fonico lanzese Riccardo Cerutti per il suo “MAG.00”, dispositivo acustico ideato e realizzato da lui e dai suoi collaboratori, che ha guidato la sciatrice paralimpica Chiara Mazzel durante le recenti gare di Pechino 2022. ≪Un ringraziamento a Riccardo – hanno commentato sindaco e amministratori comunali – per aver portato un pezzo di Lanzo a Pechino, fornendo uno strumento di grande aiuto per le prestazioni sportive della sciatrice trentina.
Ora tutti insieme con lo sguardo a Milano Cortina 2026, seguendo la scia del MAG.00 e tutti pronti a fare un tifo sfrenato per Chiara≫.

Come è nata l’idea di questo particolare dispositivo acustico? A spiegarlo è direttamente Riccardo Cerutti.

≪Avevo collaborato per la creazione di un sistema audio dedicato ai ragazzi ipovedenti che andavano a vedere la partita allo stadio di San Siro, da qui ho pensato perché non applicarlo anche in altre situazioni? Parlando con l’allenatore della nazionale di sci alpino Davide Gros abbiamo valutato cosa poteva servire alla sciatrice Chiara Mazzel e da qui è partito il progetto. Già con le prime prove abbiamo notato un abbassamento notevole dei tempi cronometrici e ci siamo stupiti dei miglioramenti immediati≫.

Anche il nome è particolare, c’è una spiegazione nella scelta?

≪Mag00 si ispira al famoso personaggio dei cartoni animati Mister Magoo, il simpatico e brontolone vecchietto che nonostante il suo forte calo della vista si ostina a non portare gli occhiali. La sua particolarità straordinaria è quella di riuscire a passare incolume in qualsiasi luogo o avventura , in quanto è sempre accompagnato da una fortuna incredibile, che non lo abbandona mai. La stessa che mi auguro possano avere tutti gli atleti che indossano il mo dispositivo≽.

In quanto tempo è stato realizzato Mag.00?

≪In pochissimo tempo: l’idea è nata a novembre, a dicembre è stato realizzato con i primi test che inizialmente non hanno avuto esito favorevole. Subito dopo sono riuscito a trovare una soluzione, sono stati creati i prototipi e il tutto è terminato il 23 febbraio, a ridosso della partenza degli atleti≫.

Cosa ascolta la sciatrice Chiara Mazzel quando lo indossa ?

≪Può decidere di ascoltare della musica o la voce. Ovviamente non tutte le musiche sono adatte. Lei viaggia in un “corridoio sonoro”, quando esce se ne accorge immediatamente e quindi deve correggere la traiettoria≫.

La Nazionale Paralimpica ha visto il coinvolgimento di più persone delle Valli di Lanzo

≪Sì, perché la valligiana Elena Riccaldone è una delle allenatrici della squadra Nazionale≫.

Inoltre la realizzazione del progetto Mag.00 ha coinvolto più persone lanzesi

≪Ho ricevuto la collaborazione di molte persone di Lanzo come Alberto Griglione e Giorgio Melani per la realizzazione della scocca, Carlo Grosso Nicolin per l’idea finale della collocazione della scocca, Mariangela Brambilla per la creazione dei testi della comunicazione e Alberto Morella per la regiatrazione della traccia audio con la sua voce≫.

Progetti futuri?

≪Ora pensiamo ai mondiali con l’obiettivo di migliorare il nostro dispositivo e di conseguenza le potenzialità degli atleti≫.