• Dom. Lug 3rd, 2022

la Grafite

Natura, eventi, territorio

Special Olympics: accesa la fiaccola a Lanzo. Emozioni e un grande coinvolgimento

DiElena.Caligiuri

Mag 27, 2022

LANZO – Un’emozione incontenibile la tappa lanzese che giovedì 26 maggio ha annunciato le gare dello Special Olympics Italia.

≪Trovarsi oggi qui e vedere una piazza così ricca di colori, di giovani, di voglia di stare insieme e condividere una così grande esperienza è davvero una gioia per gli occhi e il cuore≫. Un sindaco emozionato ha commentato l’evento, organizzato in collaborazione con Muoversi Allegramente onlus, Protezione civile Piemonte, Comune di Lanzo torinese, Comando locale polizia municipale, Comitato Ponte del Diavolo gruppo storico di Lanzo, Gruppo Folk Corale Rododendro, Scuola media I grado paritaria Federico Albert, Istituto comprensivo di Lanzo, Istituto di Istruzione Superiore Federico Albert.

I dirigenti dell’Istituto superiore Albert, Giorgio Vincenzo Minissale, dell’Istituto comprensivo, Giuseppina Real Muto e della scuola media paritaria Albert, Domenica Calza hanno sottolineato l’importanza della partecipazione nella varie attività sportive, che supera di gran lunga il solo desiderio della vittoria.

E la dimostrazione era negli occhi e nei volti dei bambini, dei giovani e dei ragazzi che hanno animato con la loro presenza la piazza lanzese.

I ragazzi dell’Istituto Superiore Albert (uno dei pochi team scolastici d’Italia) si è occupato del servizio d’ordine, speaker e video maker. Ma non solo, tutte le terze e le quarte del liceo di scienze umane ed economico sociale e un gruppo dell’alberghiero, per un totale di oltre 130 studenti, dal 5 giugno fino all’11 saranno impegnati in ore di alternanza scuola lavoro, nei vari stadi o strutture sportive, accompagnati da una rappresentanza di docenti. Un progetto che ha trovato la disponibilità del Dirigente scolastico, del collegio docenti e l’organizzazione a cura del dipartimento di scienze motorie, scienze umane e dipartimento di sostegno con un impegno economico della scuola per permettere il trasporto quotidiano dei ragazzi con il pullman.

Infine un flash mob finale in piazza, con la coreografia inventata da una studentessa per festeggiare insieme il valore inclusivo dello sport.

Foto Giacomo Pessarossi