• Lun. Ott 3rd, 2022

la Grafite

Natura, eventi, territorio

Cultura, sapori e musica nel magico Borgo di Vrù

DiElena.Caligiuri

Ago 19, 2022

CANTOIRA – A Vrù, il borgo che quest’anno parla di pace, la natura si mescola con la letteratura e i sapori autentici della montagna.

«Ogni incontro con il pubblico è diverso. Ogni volta che racconto il mio libro mi sembra di
riscoprirlo insieme ai lettori; un’esperienza molto bella». Bröwa aveva presentato con molto successo il suo L’albero appena la sera prima al Groscavallo Mountain Festival, ma non esita a definire «unico» anche l’incontro a Vrù, frazione poco sopra Cantoira.


A rendere unico l’incontro a Vrù ha sicuramente contribuito l’ambientazione, l’antico e suggestivo borgo curato e restaurato, che è stato la scenografia perfetta per presentare questo romanzo, in cui si narra la secolare vita di un bosco di queste montagne attraverso “gli occhi” di un faggio. Parlare di equilibri tra uomo e natura, della lunga vita degli alberi, degli eventi che segnano l’esistenza delle montagne ha assunto un significato ancora maggiore tra le case di Vrù, dove il tempo sembra essersi fermato nel momento in cui «primi uomini erano in grado di sentire le voci degli abitanti del bosco, i pensieri di alberi e animali che popolavano la montagna» per citare le parole del romanzo di Bröwa.
La presentazione è cominciata all’aperto, nella piazzetta del borgo, ma quando la pioggia ha iniziato a cadere, si è spostata nella chiesetta della Madonna della Neve, appena restaurata e almeno altrettanto suggestiva.


A organizzare l’appuntamento l’Associazione Culturale Francesco Berta, che con impegno e dedizione mantiene viva la realtà del luogo, oltre che con le classiche formule di feste di borgo, anche dando spazio alla cultura. Il numeroso pubblico presente, in larga parte abituale frequentatore delle iniziative organizzate a Vrù, è stato la conferma evidente della bontà di questa formula.
La serata è proseguita con “Vrù sla tàola”, la cena con cibi recuperati dall’antica tradizione dei sapori e dei profumi di montagna, per poi concludersi nella notte con la musica classica e contemporanea del Dare Quartet.