• Gio. Apr 25th, 2024

la Grafite

Natura, eventi, territorio

La Città di Ciriè celebra il Giorno del Ricordo con una serata in Biblioteca per riflettere sulla tragedia dell’Esodo

DiElena.Caligiuri

Feb 3, 2023

CIRIE’ – La Città di Cirié celebra il Giorno del Ricordo 2023 con “Bora”, una serata pensata per mantenere
viva la memoria dell’Esodo dalle loro terre da parte di istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra, e più in generale rinnovare la memoria delle vittime delle foibe e di tutte le persecuzioni.
Giovedì 9 febbraio, alle 20.45, in Biblioteca A. Corghi verrà darà vita a una narrazione mista, composta da filmati e da letture, che non solo riassumeranno i fatti storici legati all’Esodo e al tragico destino di tanti italiani morti nelle foibe, ma che aiuteranno anche a capire le ripercussioni di quelle vicende sulla storia contemporanea di quelle terre e dell’Italia in generale.
“Bora” – il titolo della serata – riprende una delle storie che verranno narrate; il libro “Bora. Istria, il vento dell’esilio” di Anna Maria Mori e Nelida Milani tratta infatti le vicende delle due autrici che ebbero destino diverso proprio alle soglie dell’Esodo: la famiglia di una scelse di rimanere, l’altra invece lasciò la nativa Pola per l’Italia. Ne deriva un confronto epistolare drammatico e intimo, ricco di aneddoti e riflessioni che verrà animato dalle letture a doppia voce organizzate dallo staff della Biblioteca A. Corghi.
Oltre a questo sofferente vissuto, la serata sarà anche l’occasione per scoprire musicisti, compositori e attori che hanno tratto ispirazione dall’Esodo e ne hanno fatto il cuore di alcune loro opere.
La serata è ad entrata libera e gratuita. ≪La memoria dei tragici eventi che caratterizzarono l’Esodo degli istriani, fiumani e dalmati dalle loro terre – dichiara il Sindaco di Cirié Loredana Devietti – deve essere mantenuta viva attraverso iniziative che stimolino la riflessione su tutte le persecuzioni, di ieri e di oggi. Siamo tutti chiamati a vigilare per prevenirle, sensibilizzando soprattutto i più giovani sulla necessità di non abbassare mai la guardia rispetto a ogni violazione dei diritti umani. Mentre gli spettri dell’intolleranza sembrano incombere nuovamente sull’Europa e sul mondo intero, appare più che mai necessario fare i conti con questa parte della nostra storia, anche alla luce della guerra che sta devastando il confine orientale dell’Europa≫.