• Dom. Giu 16th, 2024

la Grafite

Natura, eventi, territorio

Consegnati a Torino gli attestati a 41 micologi: il corso di formazione è realizzato in collaborazione fra le regioni Piemonte e Liguria e le Università di Genova e Torino

DiElena.Caligiuri

Mag 10, 2023

TORINO – Passione, studio e precisione: tre componenti fondamentali che dopo ben due anni si sono concretizzate in un grande risultato.
Nella mattinata di martedì 9 maggio presso l’assessorato regionale alla Sanità di Corso Regina Margherita a Torino è stata effettuata la consegna dei diplomi a ben 41 neo micologi, che verranno inseriti nel registro regionale e nazionale.
Ad ottobre 2022 si era infatti chiusa la terza edizione del corso di formazione per il conseguimento dell’attestato di Micologo, realizzato con la collaborazione scientifica fra le regioni Piemonte e Liguria e l’Università di Genova e di Torino.

A moderare l’incontro il Dott. Osvaldo Bellino della Regione Piemonte, mentre la Dott.ssa Micaela Tiso, Coordinatore del corso MICOLOGI, e Responsabile dell’Ente Gestore MICAMO LAB ha salutato i presenti sottolineando l’importanza di un corso «che ha coinvolto più di quaranta persone di età differenti, che svolgono professioni diverse e provengono da diverse regioni d’Italia– ha spiegato – un percorso che dura due anni, decisamente impegnativo con moduli didattici che hanno visto più prove ed esami in diverse regioni, dal Piemonte, alla Liguria al Trentino. Un altro elemento sul quale vorrei porre attenzione è la collaborazione scientifica nata fra il Piemonte e la Liguria e fra le loro università, un modo per creare collegamenti e legami che si sono rivelati costruttivi e di grande arricchimento».

Sono stati invitati per i saluti i rappresentanti delle Regioni e delle Università coinvolte la Dott.ssa Angela Costa, Funzionario, Settore Prevenzione e veterinaria, Regione Piemonte, che ha conseguito anche lei quest’anno il diploma di micologo e in collegamento dalla Regione Liguria la Dott.ssa Elena Nicosia, Funzionario, Dipartimento Salute e Servizi Sociali.
L’evento è stato anche l’occasione per condividere insieme i risultati ottenuti, gli obiettivi e le sfide future.
A dare lustro alla firma e consegna dei diplomi l’assessore della Regione Liguria, Angelo Gratarola, in collegamento, e presente all’incontro, l’assessore alla Sanità, Livelli essenziali di assistenza, Edilizia sanitaria della Regione Piemonte, Luigi Genesio Icardi. «Mi congratulo con tutti voi – ha concluso Icardi – ora siete in possesso di un titolo che offre delle importanti possibilità, ma che vi carica nello stesso tempo di grandi responsabilità. Come ex funzionario all’interno del Servizio Igiene Alimenti conosco bene l’importanza della prevenzione, quando si sentono casi di intossicazione l’intero territorio perde di credibilità, mentre prodotti così preziosi e ricercati come i nostri funghi devono rappresentare una risorsa e una crescita». Insieme al diploma è stata consegnata a ciascun micologo una tavola disegnata a mano, realizzata dal docente Boccardo.

Presenti proprio per l’occasione i Coordinatori scientifici e docenti del corso, i dottori Francesco Golzio, Nicola Sitta, Fabrizio Boccardo, i Professori Enrico Bergamaschi, Presidente del Corso di Studio T.P.A.L.L., Università degli Studi di Torino e Massimiliano Tisi, Coordinatore del Corso di Studio T.P.A.L.L., Università degli Studi di Torino e in collegamento il Prof. Stefano Vanin, Coordinatore del Corso di Biologia, Dipartimento di Scienze della Terra dell’Ambiente e della Vita, Università degli Studi di Genova. «Questo attestato rappresenta un risultato importante – hanno commentato i docenti – ma il vostro lavoro inizia da qui, perché i funghi si imparano, ma si dimenticano anche. Ecco l’importanza dei corsi di aggiornamento, la formazione, ritrovarsi e determinare le diverse specie, tenersi aggiornati sulle nuove normative, essere sempre animati da quella passione che crea il senso dello stupore, anche quando vediamo un piccolo fungo crescere nel nostro giardino. E prenderlo, guardarlo, fotografarlo e studiarlo, ricreare quel legame e quella reciprocità alla base della micologia».