• Mar. Apr 23rd, 2024

la Grafite

Natura, eventi, territorio

Come parlare a genitori anziani di un possibile aiuto in casa o di una persona in convivenza

DiElena.Caligiuri

Nov 11, 2023

Servizio a cura di Roberta Caglio

SOLO ANZIANI – Sono molti i figli che affrontano la difficoltà nel parlare ai propri cari anziani di assistenza a casa.
Il rifiuto dell’aiuto e la rigidità al cambiamento sono condizioni emotive naturali che tutti abbiamo innate.
A volte la fragilità dei nostri genitori ci mette di fronte a delle scelte per conservare più a lungo la loro autonomia, tutelarli e saperli protetti.
I nostri cari potrebbero aver bisogno di piccoli aiuti come scendere dall’auto, muoversi fra i piani oppure la Solitudine.
Come fai a dire ai tuoi genitori che è venuto il momento di avere qualcuno in casa oppure che la soluzione migliore per loro sarebbe quella di essere trasferiti in una struttura adatta….
Molte persone iniziano pensando a cio’ che diranno ai loro genitori, o anticipano il risultato desiderato della conversazione, il modo in cui hai questa conversazione è importante, quanto quello che dici.
Non sopraffare i genitori riunendo tutti i membri della famiglia, meglio cercare un ambiente o un momento in cui sono pronti ad ascoltare, affrontando l’argomento con molta delicatezza, poiché
è un drastico cambiamento nella loro vita, non da sottovalutare.
Qualche spunto su come parlare di questi argomenti con i nostri genitori.

  • Elenco delle preoccupazioni :
    somministrazione dei farmaci, igiene personale, alimentazione e socialità
  • Preparati a più conversazioni:
    parlare volte e più volte con molta pazienza dei vantaggi della vita assistita, sottolineando la maggiore sicurezza per la loro salute.
    Parlare con loro di come potrebbe essere il loro fabbisogno se dovessero ammalarsi, una possibile caduta oppure un declino cognitivo.
  • Mantieni la conversazione focalizzata sulle esigenze dei tuoi genitori:
    assicurarsi che loro si sentano inclusi nella conversazione che riguarda il loro futuro è il modo più gentile e rispettoso per affrontare la transizione.