• Ven. Mag 20th, 2022

la Grafite

Natura, eventi, territorio

Sull’alpeggio “dei ricordi” ora volano le api

DiElena.Caligiuri

Lug 1, 2021
I fiori di rododendro daranno vita, con il sapiente lavoro delle api, ad un miele ricercato e locale
CERES – Più di venti arnie sono state posate alla fine di giugno nell’ampio alpeggio in località Desert nel Comune di Ceres e lì vi rimarranno per più di un mese fino almeno alla metà di luglio.
I rododendri in fiore diventeranno la meta preferita delle api, così da poter produrre il pregiato miele dal profumo inconfondibile.
Così Andrea Ciotti, imprenditore di Varese sta cercando di incentivare la produzione di prodotti locali. Proprio su quel territorio che un tempo, più di venticinque anni fa, frequentava e che gli è rimasto nel cuore. <I miei nonni negli anni ’50 venivano a Ceres, poi quando sono nato io, negli anni ’70, i miei genitori hanno acquistato una baita che abbiamo tenuto per più di vent’anni. Qui sono racchiusi gran parte dei miei ricordi più felici, quelli a cui sono più legato perché vissuti con gli occhi genuini di quando si è bambini. Per questo motivo ho voluto acquistare l’alpeggio e investire nelle Valli di Lanzo>. Oltre cento ettari di terreno dove si trovano anche una quindicina di baite, alcune da ristrutturare. <Abbiamo molti progetti, tutti finalizzati alla salvaguardia dell’ambiente e alla creazione di prodotti autoctoni. Ora infatti stiamo collaborando con un giovane apicoltore locale Rajan Craveri (Apicoltura Muande Bellacomba) che si sta occupando della produzione del miele di rododendro. Le api, d’altra parte rappresentano un fattore di equilibrio naturale degli ecosistemi. L’impollinazione delle api è insostituibile per la conservazione di molte specie vegetali>.
Ora però a preoccupare maggiormente l’imprenditore di Varese sono le infrastrutture, strada e ponte per arrivare in alpeggio. <Per poter generare un’economia in grado di ricadere su tutta la vallata è importante curare alcuni fattori fondamentali: migliorare la strada e rendere più solido il ponte esistente>. Sulla questione interviene il primo cittadino di Ceres, Davide Eboli. <Siamo sempre favorevoli a ogni tipo di apertura sul nostro territorio. Chi decide di investire in valle lo fa con il cuore e con entusiasmo. Capisco però che possano esserci delle difficoltà, talvolta non semplici da risolvere. Qui stiamo parlando di una strada di montagna con parecchi tornanti. Faremo il possibile per migliorare la situazione, anche se tutto ciò ha un costo non indifferente>. In attesa di nuovi sviluppi, per ora sono le api a godersi indisturbate l’incantevole paesaggio.