• Lun. Giu 24th, 2024

la Grafite

Natura, eventi, territorio

“Giro Next Gen 2024”, il belga Jarno Widar è il vincitore della Verres-Balme

DiElena.Caligiuri

Giu 11, 2024

Servizio a cura di Emiliano Bruna

Parla belga il vincitore della Verres – Balme (Pian della Mussa), terza frazione del “Giro Next Gen 2024”, il
Giro d’Italia per la categoria maschile Under 23 promossa dalla Rcs Sport e che ha visto anche la
collaborazione tecnica della formazione ciriacese Gs Brunero 1906 nell’organizzazione della tappa.
Jarno Widar (Lotto Dstny) è giunto in solitaria sul traguardo del Pian della Mussa in 3h47’40”, precedendo di circa venti secondi i suoi più immediati inseguitori Wouter Toussaint (Wanty ReUz Technord) e Mathis Rondel (Tudor). Il gruppo ha sempre controllato la gara, senza lasciare troppo spazio alle fughe, e solo nei tre chilometri di salita finale è nata l’azione decisiva portata dall’affondo di Widar, senza che nessuno riuscisse a raggiungerlo. Per l’atleta belga oltre al successo di tappa è arrivata anche la maglia rosa, strappata dalle spalle di Paul Magnier (Soudal Quick Step).
La gara, svolta sulla distanza di 134 km e 3000 metri di dislivello, era scattata dalla Valle d’Aosta, dal borgo di Verres, con al via le migliori speranze a livello internazionale della categoria cadetta, i futuri campioni del mondo professionistico delle corse di ciclismo su strada. Il plotone, composto da oltre 170 corridori, in rappresentanza di 29 squadre, tra cui la nazionale italiana Under 23, si è presto trovato sulle strade piemontesi, percorrendo gran parte del tracciato su tratti di salita e discesa del Canavese per poi entrare nelle fasi decisive della corsa prima scalando la salita che da Rocca porta a Corio e successivamente quella che da Lanzo sale a S.Ignazio, per poi scendere a Pessinetto e percorrere gli ultimi chilometri di tracciato transitando per Ceres, Ala di Stura, Balme e l’arrivo del Pian della Mussa. Un traguardo non inedito per il nostro circondario, considerato che da oltre settant’anni è teatro di sfide ciclistiche che ha visto prevalere grandi campioni poi diventati professionisti, tra cui Stefano Garzelli vincitore del Giro d’Italia del 2000.
Il Giro Next Gen ha così portato la maglia rosa, simbolo del primato al Giro d’Italia, nelle Valli di Lanzo.

Da anni sono in corso trattative con gli organizzatori di Rcs per far arrivare la corsa rosa dei professionisti
proprio al Pian della Mussa. Sovente il “Giro Baby” è stato utilizzato dall’organizzatore del massimo giro a
tappe italiano per testare strade e territorio in vista di eventuali impieghi futuri per la categoria regina. Per
tutte le Valli di Lanzo un’opportunità di ulteriore crescita e sviluppo economico.

<<Un’altra tappa fantastica dopo quella dell’anno scorso del giro Rosa – commenta il primo cittadino di Ceres Davide Eboli – Next Gen, Verres- Pian della Mossa è un altro sogno che si avvera con l’arrivo di una tappa ciclistica Nazionale sul nostro territorio, al Pian del Mussa. Grazie all’assessore Fabrizio Ricca della Regione Piemonte che ci ha dato questa opportunità. Grazie a tutte le associazioni e tutti quelli che hanno collaborato nell’organizzazione>>.

Foto di Rosa Fragapane e Giuseppe De Troia

SCORRERE LE IMMAGINI