• Gio. Dic 1st, 2022

la Grafite

Natura, eventi, territorio

Mandrialonga: 25 chilometri camminando insieme nella natura. Domenica 10 ottobre

DiElena.Caligiuri

Ott 7, 2021

VENARIA – Camminare, insieme, senza fretta, con l’entusiasmo di ammirare luoghi dove natura e arte si fondono, facendoci scoprire, un passo dopo l’altro, paesaggi ricchi di storia e tradizioni.

Mandrialonga è questo: 25 km camminando insieme nella natura. Si parte domenica 10 ottobre dalla Reggia di Venaria al Ponte del Diavolo di Lanzo passando per i Giardini Reali, attraversando il più grande parco cintato d’Europa, La Mandria scoprendo centri abitati del territorio. Le prenotazioni ad oggi sono terminate, avendo già raggiunto il tetto massimo di partecipanti, segno di un grande traguardo ancor prima di iniziare.

Quattro i ristori sul percorso e poi polentata finale. Si tratta di una manifestazione di cammino a passo libero, ludico motoria, fitwalking e nordic walking aperta a tutti. Per i minori si richiede l’autocertificazione dei genitori.

«Si tratta di una manifestazione – spiega Luigi Chiappero, presidente dei Parchi Reali – nata per rivalutare l’intero nostro territorio. L’obiettivo è proprio quello di cucire un’area dove arte e natura si combinano in modo eccelso. Camminando insieme sarà possibile ammirare particolari ricchi di storia e bellezze uniche»

La partenza

La partenza avverrà domenica 10 ottobre 2021 con una forbice temporale fra le 8 e le 9 dal gran parterre della Reggia di Venaria a seguire tra le 9 e le 10 prenderà il via la sezione ciclistica (per questi rientro è previsto con lo stesso mezzo). Possibilità di parcheggiare fino ad esaurimento posti presso il parcheggio Juvarra in via Don Sapino 7 a Venaria Reale.

La camminata

La camminata dal Gran Parterre si snoda lungo i Giardini Reali premiati come i più belli d’Italia sino all’ultimo cancello in Viale Carlo Emanuele II per poi accedere al Parco naturale regionale la Mandria. Svoltando a sinistra si costeggia il muro di cinta fino alla Locanda della Mandria in località Prato Pascolo per la prima sosta ristoro.

Si riprende sino a nuovamente costeggiare il muro di cinta in direzione Casetta Remondino e si prosegue giungendo a La Bizzarria, suggestiva palazzina liberty dimora della Bela Rusin, secondo punto ristoro.

Si esce dal parco proseguendo lungo strada di circonvallazione della Mandria sempre costeggiando il muro di cinta, ora esternamente. i Si entra nell’area dell’ex pista di collaudo Fiat uno spazio enorme nel quale si testavano i veicoli del gruppo industriale. Sono oltre 30 km inseriti nella natura con dislivelli e pavimentazioni differenziate che simulano ogni possibile situazione. Dopo la sosta al Relais Bella Rosina per il terzo ristoro si prenderà la pista e ci si trova su un lunghissimo rettilineo simile a una pista di atterraggio.

Percorso alternativo del primo tratto per chi ha il cane

Percorso alternativo del primo tratto per chi si incammina con il proprio cane: Giardini Reali, campo elicotteristi Esercito, campo golf, territorio di Druento fino a ricongiungimento presso La Bizzaria poiché nel parco non è possibile l’accesso per il regolamento della regione Piemonte.

Novità di quest’anno i ciclisti

Novità di quest’anno i ciclisti coordinati in gruppi e con guide da Kom Valli di Lanzo

Per chi fosse in difficoltà

Chi fosse in difficoltà e temesse di non portare a termine l’impegno potrà utilizzare delle navette che faranno risparmiare circa dieci km, portandoli dal termine del muro di cinta della mandria a Fiano sino all’arrivo.

Rientro

Il rientro a Venaria sarà possibile con i mezzi Gtt , i nuovi bus elettrici ad emissioni zero.