• Mar. Ott 4th, 2022

la Grafite

Natura, eventi, territorio

Walter Castagno e Anna Maria Foli presentano “Vivace difettare” e “Guida Letteraria del Vino” nella libreria Ca’Libro

DiElena.Caligiuri

Nov 16, 2021

Sabato 20 novembre alle 16,30 “Vivace difettare”

CIRIE’ – Due presentazioni che meritano un brindisi. Sabato 20 alla libreria Ca’ Libro in via Nino Costa, Walter Castagno presenterà alle 16,30 il suo libro “Vivace Difettare”. Accompagnamento musicale con Samuele e Dario Castagno.

«Iniziai a scrivere poesie al liceo. A quel tempo – spiega Walter Castagno – erano versi liberi: il giovanile fuoco pretendeva libertà, e non accettava schemi! Ho ripreso a scriverle dal 2020. In questo caso però mi sono affidato alla metrica italiana. In fin dei conti credo ci sia più equilibrio quando all’estro creativo si affianca l’ordine della competenza tecnica.Nel 2021 ho pubblicato la mia prima silloge poetica, “Vivace Difettare”, per la casa editrice Edizioni Tripla E, di Moncalieri (https://edizionitriplae.it/).

Pensare l’uomo ed il suo modo di vivere ai nostri giorni richiede una ricerca complessa, che deve essere fatta di riflessioni e di emozioni. La Poesia ha queste caratteristiche, ed attraverso l’equilibrio tra apollineo e dionisiaco, per usare parole di F. Nietzsche, si genera il pensiero e lo si rende colorato. Il componimento poetico non è solo parola, ma anche musica. La scelta della metrica italiana, eleggendo a Re l’endecasillabo, attorniato dalla corte dei versi classici, dona alle rime il ritmo. Con tali mezzi le poesie di questa silloge trattano la distanza tra uomo ed umano, là dove l’individualismo offusca l’orizzonte degli ideali. Raccontano anche dell’importanza dell’impegno personale per raggiungere le mete che ci si prefigge, esprimono la centralità della scelta come fonte di libertà, e l’importanza dell’identità per valorizzare le differenze.Così in questi versi si accompagnano la filosofia, la sensibilità, e la musicalità, andando a passeggio insieme per i sentieri della vita umana».

Alle 18,30 “Guida Letteraria del Vino” di Anna Maria Foli

Alle 18,30 toccherà ad Anna Maria Foli presentare la “Guida letteraria del vino”, letture di Michele Chiadò e all’arpa celtica Alessandro Cinti. Al termine degustazione di vini curata e ideata da Il Tavernacolo.

«Da sempre il vino è presente nella letteratura – spiega Anna Maria Foli – dal III millennio a.C. ai nostri giorni. Ne hanno parlato poeti, romanzieri, autori di testi teatrali, di ogni nazionalità e latitudine.
Il vino rimanda alla pienezza, alla gioia di vivere, alla convivialità, ma anche alla trasgressione e alla follia, e nella letteratura è stato declinato sotto tutti questi aspetti. Anche i testi sacri di ebrei, musulmani e cristiani alludono al vino, che assume anche valenze spirituali e simboliche. Una guida letteraria da gustare e centellinare e, perché no, da regalare in abbinamento a una buona bottiglia di vino».

Nell’Epopea di Gilgameš, celeberrimo ciclo epico di ambito sumerico risalente al III millennio avanti Cristo, il vino è celebrato come simbolo dell’immortalità, mentre nell’antichità classica Greci e Romani gli intitolarono addirittura una divinità: Dioniso e Bacco, rispettivamente.

Chiude l’antologia una “Riserva speciale”: brevi assaggi di parole, aforismi, passi celebri sul vino offerti da grandi autori del passato ed entrati ormai a far parte della cultura di massa, e una scelta di detti ed espressioni dalla tradizione popolare, da sorseggiare uno dopo l’altro senza moderazione.

Per l’evento la capienza è limitata a 30 persone ed è possibile prenotarsi al numero 0119207949 entro giovedì 18 novembre nella libreria Ca’ Libro, in via Nino Costa 17, inaugurata due settimane fa. «Vorrei che la libreria diventasse un polo culturale – spiega Matteo Perin – un locale aperto dove la gente può sostare e consultare i libri. Un luogo dove si parla di letteratura e di eventi a 360° e le presentazioni si sabato 20 novembre ne sono un primo esempio».