• Lun. Ott 3rd, 2022

la Grafite

Natura, eventi, territorio

A Lanzo il fotografo che insegna a portare a casa l’immagine dei sogni

DiElena.Caligiuri

Ago 8, 2022

LANZO – Vivere emozioni, saper cogliere i momenti, catturarli, racchiuderli in uno scatto in grado di stupire. Un click capace di regalare un’immagine che potrà rivivere infinite volte negli occhi di chi l’osserva. Luca Cagnasso fotografo e videomaker in ogni scatto racchiude passione, studio e voglia di vivere nuove esperienze.

Classe 1972, Luca. all’età di 15 anni si avvicina al magico mondo della fotografia. Col passare del tempo unisce la passione per la fotografia all’amore per la natura. Ora nel suo studio di Lanzo e nel suo sito https://www.lucacagnasso.com spiega come vivere un’avventura con al collo una macchina fotografica.

≪Le mie esperienze fotografiche – spiega – iniziano con una modesta reflex totalmente manuale, sviluppando e stampando autonomamente le immagini in bianco e nero. Poi via via ho imparato tutte le nuove tecniche. Ma soprattutto sono sempre stato attratto dall’ambiente circostante.

La mia professione ora è progettare e realizzare workshop e viaggi fotografici in Italia e nel mondo, conciliando la passione per la fotografia con il piacere della vacanza.
Bisogna sapere ottenere il massimo con l’attrezzatura che si possiede, una buona e gradevole composizione, una corretta messa a fuoco e dosare bene la luce e la nitidezza.
Sappiamo che fotografia significa ‘disegnare con la luce’ quindi la prima cosa da fare per imparare a disegnare è conoscere i meccanismi delle macchine fotografiche.
Quello che faccio nei miei corsi e nelle mie lezioni individuali è esattamente questo, sgombrare la strada dalle difficoltà tecniche≫.
Dall’Islanda alle Isole Svalbard, dai Grifoni del Verdon alle perle delle Alpi, dall’aurora boreale all’orso bruno. Paesaggi, animali da vedere e fotografare. ≪Prima di scattare le foto, – spiega Cagnasso – bisogna ricordarsi di studiare la zona e soprattutto le abitudini degli animali che si intende immortalare in una foto naturalistica. Ogni Viaggio fotografico o workshop è il risultato di idee e progetti e viene proposto dopo sopralluoghi curati nei minimi particolari per individuare i posti più originali e affascinanti, quelli che vengono spesso ignorati durante i soliti viaggi turistici, luoghi che visiteremo e fotograferemo negli orari con luce ottimale, per ottenere il massimo risultato dalle fotografie e riprese video. Non si tratta di un semplice viaggio fotografico, ma di una vera spedizione fotografica, che prosegue anche dopo il rientro a casa con confronti e lezioni di fotografia e montaggio sul lavoro svolto durante il viaggio≫. Nel suo sito sottolinea che “Ogni workshop lo vivi tre volte: quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi”.

≪Io durante i workshop non scatto quasi mai – spiega Luca – prima effettuo dei sopralluoghi, studio l’ambiente o gli animali da fotografare. Poi il mio primo obiettivo è che ognuno porti a casa la foto dei propri sogni.

In Italia esiste una varietà di specie di animali e ambienti incredibile, ma non si ha ancora una grande sensibilità riguardo a questo tipo di turismo. All’estero sono molto più organizzati e hanno compreso come attività di questo genere possano creare una fonte di reddito che poi può contribuire a far crescere e migliorare parchi o specie protette.

A luglio ci siamo dedicati alla fotografia notturna con la via Lattea al Nivolet e al colle del Moncenisio. Per me un viaggio fotografico o un’attività di workshop è allontanarsi dalla frenetica quotidianità e prendersi del tempo per guardare il mondo con occhi diversi, entrare in contatto con la natura, scoprire nuovi profumi, sapori e culture; tutto questo condividendo risate ed emozioni di un’avventura che rimarrà nel cuore e nei ricordi≫.